An extreme, experimental shelter
in the heart of Parco dei Monti Sibillini, central Italy

 

Premiered in XVII International Architecture Exhibition
La Biennale di Architettura di Venezia
Padiglione Italia — Resilient Communities — “Architetture in Digitale”

featured on:

Temporary. Contemporary.

Apennines are the backbone of Italy, an outstanding and central territory in the physical, historical, economic and cultural geography of the Country, full of fragility but also of extraordinary potential. In the heart of the Apennines, among the Sibillini Mountains, the wide-open scars left by the earthquake of 2016 have so far not provoked — as one would hope and as would be needed — considerations and visions commensurate with the challenges that await these territories, where communities too often are gradually recovering a normal life in other places.

Project Zero is pragmatic and optimistic: it intends to investigate a new archetype, to represent an advanced point of research — activated bottom-up between local companies and professionals, albeit with the patronage of the institutions involved — in the creation of a state of the art architectural space in terms of settlement, structure, energy and frugal use of resources, in the heart of the Sibillini Mountains.

Zero intends to represent a territorial garrison, an open and visionary project, yet deeply respectful of the context: Zero foreshadows a pragmatic possibility of technologically excellent and at the same time perfectly reversible interventions in a territory that has been for centuries – and that deserves to return soon to be – a laboratory of innovation.

The action, temporary and experimental in nature, aims to test and monitor in the field the possibilities of resistance, resilience and adaptability of a light, industrialized, fully equipped architecture and its quick installation in extreme conditions, with the prospect of a future, real reuse elsewhere once the conditions that activated its realization are over: circular economyimpermanence, reversibility and reuse are the topics that were investigated and deepened in the project.

Temporaneo. Contemporaneo.

Gli Appennini sono la spina dorsale dell’Italia, un territorio rilevante e centrale nelle geografie fisiche, storiche, economiche e culturali del Paese, denso di fragilità ma anche di straordinarie potenzialità. Nel cuore dell’Appennino, tra i Monti Sibillini, le ferite ancora aperte lasciate dal sisma del 2016 non hanno finora stimolato — come si sperava e come sarebbe necessario — riflessioni e visioni all’altezza delle sfide che attendono questi territori, in cui le comunità e la stessa vita stanno via via trasferendosi altrove, fenomeno accentuatosi in maniera irreversibile dopo il terremoto.

Il progetto Zero è pragmatico ed ottimista: intende indagare le possibilità di un nuovo archetipo, un punto avanzato di ricerca — attivata dal basso tra aziende e professionalità locali, e con il patrocinio delle istituzioni coinvolte — nella creazione di uno spazio architettonico allo stato dell’arte sotto i profili insediativo, strutturale, energetico e di uso parsimonioso delle risorse, nel cuore dei Monti Sibillini.

Zero intende rappresentare un presidio territoriale. Un eremo aperto, visionario e nel contempo rispettoso del contesto. Uno spazio solido ed effimero che prefigura una possibilità concreta di intervento tecnologicamente eccellente e perfettamente reversibile in un territorio che è stato per secoli — come punto di passaggio tra Roma e la costa orientale — fucina dell’innovazione.

L’azione, a carattere temporaneo e sperimentale, ha l’obiettivo di testare e monitorare sul campo le possibilità di resistenza, resilienza e adattabilità di una architettura industrializzata leggera e di rapida installazione in condizioni estreme, con la prospettiva di un futuro, reale riutilizzo altrove una volta terminate le condizioni che ne hanno attivato la realizzazione: impermanenza, reversibilità e riuso sono i temi che verranno indagati e approfonditi.

 

On the shoulders of giants. Again.

The name Zero is motivated by the programmatic features of the system: zero waste and zero scrap during construction and post- removal, zero emissions in the operational phase of the architecture, off-grid and without the need for connection to gas and electricity supplies. A watertight cycle phytopurification plant, also completely removable without residues, allows the perfect adherence to the hygienic and sanitary standards of the temporary construction.

Anti-frost photovoltaic panels and a battery pack guarantee the complete energy autonomy of the building even at night and in winter. In case of snow storms and sudden ineffectiveness of the photovoltaic panels, in the presence of guests inside, optical sensors integrated in the roof trigger a backup generator that guarantees the recharge of the accumulators for at least 3 days.

Zero waste is also considered during the life cycle of the building: the system is equipped with a recovery system for rainwater and snow thawing water, which is suitably treated and purified and reused for sanitary drains. The wastewater drains and manholes are thermally insulated and heated by the flow of domestic hot water generated by the heat pump integrated in the heating system.

Zero is the result of the composition of parametrically dimensioned structural/functional units: a Living module (convivial and living area), a Lodge module (sleeping area) and a Service Core module (which includes all the service rooms: bathroom, kitchenette, systems room and batteries protected from external temperature shocks) assembled in a variable composition according to the expected size and geometry of the site.

Living, Lodge and Service Core modules are installed on a base grid acting as a technological interface between building and soil, that includes the ground anchoring and levelling system, structural counterweights, rainwater and thawing water collection and purification tanks.

Zero is the expression of formlessness: every installation can be parametrically shaped in any way possible, being an open and versatile programme adapting to site-specific climatic conditions and local regulations. The design of the first prototype, which will be positioned on the slopes of Mount Sibilla, is based on the small-scale local construction tradition of the regular solid with a double-pitched roof, with subtle variations on the theme. The result is a reassuring volume in terms of geometry, but completely free of any eaves and with flush external windows for aerodynamic reasons.

 

Sulle spalle dei giganti. Di nuovo.

Il nome Zero è motivato dalle caratteristiche programmatiche del sistema: zero sprechi e zero residuo in fase di costruzione e postrimozione, zero emissioni nella fase operativa dell’architettura, off-grid e senza necessità di allaccio alle utenze gas ed elettrica. Un impianto di fitodepurazione a ciclo stagno, anch’esso completamente rimovibile senza residui, permette la perfetta aderenza alle norme igienico sanitarie dell’opera temporanea.

Pannelli fotovoltaici autoriscaldanti e un pacchetto di accumulatori garantiscono la completa autonomia energetica dell’edificio anche nelle ore notturne e in periodo invernale.

In caso di tormente di neve e inefficacia dei pannelli fotovoltaici, sensori ottici integrati in copertura avviano, in presenza di ospiti all’interno, un generatore ausiliario che garantisce la ricarica degli accumulatori per almeno 3 giorni. L’edificio sarà nativamente certificato nZEB.

Zero sprechi vale anche durante il ciclo di vita dell’edificio: il sistema è dotato di un impianto di recupero delle acque piovane e delle acque da disgelo della neve, che opportunamente trattate e depurate vengono riutilizzate per gli scarichi sanitari. Gli scarichi e i pozzetti dei reflui sono termicamente isolati e riscaldati dal flusso dell’acqua calda sanitaria generata dalla pompa di calore integrata nell’impianto termico.

Zero è il risultato della composizione di moduli strutturali/funzionali dimensionati parametricamente: un modulo Living (zona conviviale e soggiorno), un modulo Lodge (zona pernottamento) ed un modulo Service Core (che comprende tutti i locali di servizio: bagno, kitchenette, locale impianti e batterie protetto dagli sbalzi termici esterni) assemblati secondo una composizione variabile in base all’ingombro previsto e alla geometria del sito. I moduli abitativi e di servizio sono installati su una griglia di base che comprende il sistema di ancoraggio e livellamento al terreno, i contrappesi strutturali, i serbatoi di raccolta e depurazione dell’acqua piovana e dell’acqua da disgelo.

Zero è espressione del concetto di formless: ogni esemplare potrà essere dimensionato e progettato parametricamente in base alle condizioni climatiche locali ed a specifici regolamenti edilizi. Il design del prototipo prende le mosse dalla tradizione costruttiva appenninica minore del solido regolare con copertura a doppia falda, con sottili variazioni sul tema. Il risultato è un volume rassicurante per geometria, ma del tutto privo di sporti di gronda e con infissi a filo esterno per ragioni aerodinamiche.

Bringing legacy forward.

History is nothing more than a sequence of different contemporaneities. Project Zero intends to represent a new benchmark for speed of execution, construction quality, reliability, energy efficiency and lightness. The aim is to make it the contribution of the design, critical, technological and manufacturing skills of 2021 to the enhancement and emancipation of the Monti Azzurri territory, with its feet firmly planted in the thousand-year-old legacy of local minor architecture but with an eye to the future.

Zero is designed as a prototype for the mountain huts of tomorrow.

The supporting structure of the parametric modules is made of IFC- certified, formaldehyde-free glulam from controlled forests. For the cantilevered modules, the structure is in counter-braced steel mixed with purlins in glulam.
The detachable infill panels (including flooring) have a breathable package with wood fibre insulation.

The waterproofing of the roof is sheath-free, guaranteed by a double seaming aluminium sheet system, which can be completely disassembled, reassembled and 100% recyclable at the end of its life.

The interior of the spaces is completely covered with exposed solid wood staves, treated with non-toxic water-based impregnating agents to guarantee protection and hygiene. The external cladding is made of solid wood shingles from local supply chains. All components are screwed firmly to ensure subsequent disassembly.

Full-LED lighting with extremely high luminous efficiency, thermal and hydronic heat pump system with radiant floor, airtight fireplace, advanced home automation systems for access and comfort management (light, temperature, communication): the accredited guest can also manage the system from his smartphone.

A telephone system and satellite internet connection integrated with building’s uninterruptible power supply is always operational in case of emergency.

 

Sibyl

Just as Zero is conceived as something that is born, lives and vanishes, so too “Sibyl”, the musical theme that is featured in the project created ad hoc by producer F¥ELD EFFCT (Federico De Marinis) for Spacelab, is conceived as an unrepeatable experience resulting from the one-off performance of the modular synthesizer: it too lives only in the time of the recording, vanishing immediately after to make space for the next piece.

In a deliberate symbiosis with the project, the hypnotic sequence that marks the track intends to lead the legendary territory of the Sibillini Mountains into the contemporary age, towards substantial and finally anti-rhetorical answers to the fragility of these unique sites.

The author of the track takes his name from the phenomenon of the “Field effect” in electronic instruments, and the compositional process of the tracks skilfully mixes rule and chaos, control and randomness, so that each piece describes an emotional state, a feeling, an image, a unique and unrepeatable “fragment of reality”, according to a spirit perfectly shared with Project Zero.

Il retaggio di domani

La storia non è altro che una sequenza di diverse contemporaneità.
Il Progetto Zero intende rappresentare un nuovo benchmark per rapidità di esecuzione, qualità costruttiva, affidabilità, efficienza energetica e leggerezza. L’obiettivo è di renderlo il contributo delle competenze progettuali, critiche, tecnologiche e manifatturiere del 2021 alla valorizzazione ed emancipazione del territorio dei Monti Azzurri, con i piedi ben piantati nell’eredità secolare dell’architettura minore locale ma con uno sguardo proiettato al futuro.

Zero è concepito come prototipo per i rifugi appenninici di domani.

La struttura portante dei moduli parametrici è in legno lamellare da forestazioni controllate, certificato IFC e privo di formaldeidi. Per i moduli previsti a sbalzo, la struttura è in acciaio controventato misto ad arcarecci in legno lamellare.
I tamponamenti smontabili (pavimentazione compresa) prevedono un pacchetto traspirante con isolamento in fibra di legno. L’impermeabilizzazione della copertura è priva di guaine, garantita da un sistema di lamiera di alluminio a doppia aggraffatura, completamente smontabile, rimontabile e 100% riciclabile a fine vita.

L’interno degli spazi è completamente rivestito in doghe di legno massello a vista, trattato con impregnanti all’acqua atossici per garantirne la protezione e l’igienicità. Il rivestimento esterno è in scandole di legno massello proveniente da filiere locali, o in alternativa in alluminio completamente riciclabile a doppia aggraffatura. Tutte le componenti sono avvitate saldamente per garantirne il successivo smontaggio.
Illuminazione full-LED ad altissima efficienza luminosa, impianto termico e idronico a pompa di calore con pavimento radiante, termocamino a tenuta d’aria, sistemi domotici avanzati per accesso e gestione del comfort (luce, temperatura, comunicazione): l’ospite accreditato può gestire il sistema anche dal suo smartphone.
Un impianto di telefonia e connessione internet satellitare collegato al gruppo di continuità dell’edificio è sempre operativo in caso di emergenza.

 

Sibyl

Così come Zero è concepito come qualcosa che nasce, vive e svanisce, anche “Sibyl”, il tema musicale che accompagna il progetto creato ad hoc dal producer F¥ELD EFFCT (Federico De Marinis) per Spacelab, è concepito come esperienza irripetibile frutto della performance del sintetizzatore modulare: anch’esso vive solo nel momento della registrazione, svanendo immediatamente dopo per lasciare spazio al pezzo che seguirà.

In una ricercata simbiosi con il progetto, la sequenza ipnotica che caratterizza la traccia intende accompagnare il territorio leggendario dei Monti Sibillini nella contemporaneità, verso risposte concrete e finalmente antiretoriche alle fragilità di questi luoghi unici.

L’autore del brano prende il nome dal fenomeno del “Field effect” nelle strumentazioni elettroniche, ed il processo compositivo delle tracce  mescola sapientemente regola e caos, controllo e casualità, per cui ogni pezzo descrive uno stato emozionale, un sentimento, un’immagine, un “frammento di realtà” unico ed irripetibile, secondo uno spirito perfettamente condiviso con il Progetto Zero.

Zero technological partners:

Zero institutional partners:

Zero logo

Spacelab Zero
A design research project developed by Luca Silenzi, Zoè Chantall Monterubbiano Architetti
Istitutionally endorsed by Parco Nazionale dei Monti Sibillini
©2019-2021 Spacelab Architects, all rights reserved